AVVISO - Scheda di Allontanamento Volontario - Ottaviano Sicura

Vai ai contenuti

Menu principale:

AVVISO - Scheda di Allontanamento Volontario

SPECIALE VESUVIO
AVVISO ALLA CITTADINANZA
PRIME INDICAZIONI AI CITTADINI IN MATERIA DI PROTEZIONE CIVILE
RISCHIO VESUVIO

In ottemperanza alle nuove direttive del Presidente del Consiglio dei Ministri che stabilisce definitivamente la nuova zona rossa per l’area vesuviana, cioè l’area da evacuare in via cautelativa in caso di ripresa dell’eventuale attività eruttiva, ampliando la stessa ad un numero di 25 comuni della provincia di Napoli e Salerno,vi è l’obbligo di allinearsi, con il propri o piano comunale di protezione civile alle nuove linee guida approvate dalla giunta regionale con D.G.R. n° 146 del 27 maggio 2013, pubblicate sul BURC n° 29 del 03/06/2013.

Ai soli fini preventivi, onde poter fornire delle prime indicazioni alla cittadinanza, si

INFORMA

che il Comune di Ottaviano è stato gemellato con la Regione Lazio;
che nel piano nazionale di Protezione Civile, sono stati individuati quattro livelli di allerta che dipendono esclusivamente dall’attività del Vesuvio:

  • Base (oggi siamo a questo livello);
  • Attenzione
  • Preallarme
  • Allarme

Note:

Base = Colore VERDE
Attenzione = Colore GIALLO (viene decretato dal capo della Protezione Civile Nazionale);
Preallarme = Colore ARANCIONE (viene decretato dal Presidente del Consiglio dei Ministri e scatta l’emergenza nazionale);
Allarme = Colore ROSSO (viene decretato dal Presidente del Consiglio dei Ministri e scatta l’evacuazione obbligatoria della popolazione);

Ritenuto

  • che il Vesuvio è sorvegliato 24 ore su 24 dall’Osservatorio Vesuviano;
  • che attualmente il livello di allerta al Vesuvio è verde, ossia non si registra alcun fenomeno anomalo rispetto all’ordinaria attività che caratterizza da decenni il vulcano,
  • il passaggio da un livello di allerta al successivo, corrisponde alla variazione dei parametri quali sismicità, deformazione del suolo ecc…, viene comunicato al Sindaco con avvisi da parte della Regione;
  • che, solo nel caso di livello di allerta al Vesuvio di ALLARME vi è l’obbligo di recarsi nelle aree di attesa, individuate da questo comune nel piano di emergenza comunale, per poi essere trasferiti nell’area di incontro individuata dalla Regione Campania.
  • Che è’ possibile già allontanarsi spontaneamente anche quando al Vesuvio lo stato è di Pre-allarme


OBIETTIVI DEL PROGETTO

Questo Progetto nasce nell'ambito di una decisa azione di prevenzione, che non può trascurare l'impegno diretto anche dei cittadini (pianificazione partecipativa), a cui va rivolta una costante, continua azione di informazione ed educazione.
Il Progetto è rivolto a tutte famiglie residenti nel Comune di Ottaviano.

Il numero complessivo dei residenti è di 23958 unità, corrispondenti a 8106 nuclei familiari.
Ciò premesso, l’Autorità comunale di protezione civile propone un’ “indagine conoscitiva” tra la comunità ottavianese atta a definire eventuali preferenze circa la destinazione finale dei residenti in caso di una evacuazione preventiva.

L’obiettivo dell’Autorità comunale di protezione civile, con questo progetto, è quello di conoscere il numero preciso dei residenti che desiderano allontanarsi volontariamente. Ridurre il numero di persone da evacuare significa, per l’Amministrazione, gestire e coordinare le proprie risorse con efficienza.

L’ indagine conoscitiva coinvolgerà tutti i capofamiglia, che dovranno compilare la documentazione ricevuta (scheda “a”) o scaricabile dal sitoweb www.ottavianosicura.it/schedadiallontanamentovolontario o direttamente compilabile sul sitoweb dalla quale si evincerà se il nucleo familiare è disposto a trovare una sistemazione autonoma presso una seconda casa o presso amici, parenti o altro. La documentazione dovrà essere sottoscritta dal capofamiglia. La stessa verrà ritirata e recapitata al Sindaco entro e non oltre il 10° giorno dalla consegna, che validerà e registrerà la volontà del capofamiglia.
Scarica la Scheda di Allontanamento Volontario
(clicca sull'immagine per scaricare il pdf)


 
SitoWeb realizzato da:
Torna ai contenuti | Torna al menu